CASE HISTORY – TETRA PAK CARTA RUBIERA (REGGIO EMILIA) – COPERTURA MPF81

Intervento di rifacimento completo del manto di copertura del magazzino prodotto finito 81, con rimozione e smaltimento del manto esistente, nuova copertura e fotovoltaico

Informazioni di progetto

Progettista:  Ing. GIAMBATTISTA PALTRINIERI

Direttore dei lavori:  Ing. GIAMBATTISTA PALTRINIERI

Committente: Dott. EK BO GORAN Direttore Delegato di stabilimento “TETRA PAK CARTA SPA”

Coordinatore per la sicurezza: Ing. SILVANO DONDI

Responsabile dei lavori: Ing. SILVANO DONDI

Informazioni di cantiere:

Indirizzo del cantiere: via della Resistenza 56/a Rubiera (RE)

Dimensioni copertura: 8.000 mq ca

Stratigrafia: Stratigrafie previa rimozione completa del pacchetto esistente sino alla struttura in c.a.:

  1. CANALI DI GRONDA: primer S, Derbicoat HP FM 2,5mm incollato a Derbigum DMS,

Derbigum SP-FR 4mm incollato a Derbibond S

  1. TERRAZZI di COPERTURA: primer S, Derbicoat HP FR 2,5mm incollato a Derbibond S,

Derbibrite SP 3,5mm incollato a Derbibond S

Durata lavori: 150 giorni circa

Descrizione dei lavori:

Isomec ha appaltato con successo i lavori di rifacimento completo del pacchetto di copertura del Magazzino Prodotto Finito 81 presso il sito di Rubiera dell’appaltatore Tetra Pak Carta, integrandosi in modo attivo sin dalle fasi iniziali di progettazione, affiancando la Committenza nella progettazione dei dettagli esecutivi e delle stratigrafie di copertura previste per l’edificio.

L’intervento, di circa 8.000 mq, ha compreso le seguenti lavorazioni:

  1. Completa demolizione, rimozione e smaltimento del pacchetto esistente di copertura composto principalmente da 4 strati che partendo dal cls erano così composti:
    1. Barriera al vapore bituminosa
    2. Isolante tipo Fesco (perlite espansa) in pannelli sp 20 mm
    3. Doppia guaina bitume polimero con terzo strato esterno ardesiato
    4. Ulteriore strato di membrana bituminosa in Derbigum SP-FR 4mm

    Le membrane bituminose sono state separate dal Fesco, tagliate in quadrati di circa 1 metro per 1 metro e pallettizzate tramite posa su bancale di legno e fasciatura con polietilene. Il fesco è stato raccolto manualmente e calato a terra mediante autogru.

  2. Realizzazione del primo strato di tenuta impermeabile in guaina bitume polimero incollato a freddo e saldatura ad aria calda dei sormonti. Visto l’alto rischio d’incendio presente all’interno del capannone oggetto dell’intervento, i lavori sono stati effettuati senza l’impiego di fiamme libere, con cannelli ad aria calda.
  3. Realizzazione del secondo strato di tenuta impermeabile in membrana a matrice bitume polimero, incollato a freddo (sormonti a fiamma). Una volta completato il primo strato di guaina bituminosa Fire Resistance, si è optato per la posa del secondo strato (membrana a matrice bitume polimero armata in poliestere) mediante canonica saldatura a fiamma dei sormonti, al fine di comprimere i tempi di posa. Sopra al manto di colore nero è stato posato un ulteriore strato di guaina bituminosa armata e ricoperta da un coating acrilico di colore bianco (Derbigum Derbibrite). Tale accorgimento tramite l’incremento della riflettanza infatti riduce le temperature superficiali che il manto può raggiungere, preservandone la durata più a lungo e riducendo il passaggio di calore agli strati sottostanti.
  4. Installazione di nuovi parapetti definitivi in alluminio lungo il perimetro della copertura.
    Al termine dei lavori di rifacimento del manto, sono stati installati dei nuovi parapetti fissi. La verifica di tenuta al supporto è stata ottenuta prove di estrazione con apposito strumento. Una volta installati i nuovi parapetti si è provveduto a rimuovere e smaltire i parapetti esistenti
  5. Installazione di impianto FV sui terrazzi di copertura. Installare l’impianto fotovoltaico sul manto bianco Derbibrite è una scelta particolarmente azzeccata. Tale manto infatti, oltre ad avere ottime prestazioni in termini di limitazione nella propagazione degli incendi, consente di mantenere la temperatura di esercizio dell’impianto bassa grazie all’elevata riflettanza della radiazione solare.

GALLERY DELL’INTERVENTO

Rubiera (RE)

Foto 1: Campionamento pacchetto esistente tra terrazzi di copertura e canali di gronda

Rubiera (RE)

Foto 2: Demolizioni pacchetto esistente (canali di gronda)

Rubiera (RE)

Foto 3: Demolizioni pacchetto esistente (canali di gronda)

Rubiera (RE)

Foto 4: Particolare verticali vecchia copertura(canali di gronda)

Rubiera (RE)

Foto 5: Particolare lavori di demolizione

Rubiera (RE)

Foto 6: Primo strato in derbicoat 2.5mm saldato ad aria calda, verticali con DMS

Rubiera (RE)

Foto 7: Particolare dei doppi verticali nei canali di gronda

Rubiera (RE)

Foto 8: Primo strato in derbicoat 2.5 mm incollato a freddo mediante Derbibond (terrazzi di copertura)

Rubiera (RE)

Foto 9: Particolare doppio verticale primo strato in derbicoat 2.5 mm incollato a DMS (prima e dopo l’intervento)

Rubiera (RE)

Foto 10: Scarico rifiuti dalla copertura

Rubiera (RE)

Foto 11: Canale di gronda finito con secondo strato in Derbigum SP-FR incollato a freddo

Rubiera (RE)

Foto 12: Posa secondo strato in Derbibrite bianco SP 3.5mm incollato a freddo e saldato a fiamma

Rubiera (RE)

Foto 13: Panoramica avanzamento lavori secondo strato

Rubiera (RE)

Foto 14a: Prove di estrazione ampliamente verificate

Rubiera (RE)

Foto 14b: Prove di estrazione ampliamente verificate

Rubiera (RE)

Foto 15: Vista esterna dei nuovi parapetti in alluminio

Rubiera (RE)

Foto 16: Panoramica avanzamento: secondo strato orizzontale terminato, doppi verticali lucernari ancora da completare

Rubiera (RE)

Foto 17: Vista lavori ultimati dalla copertura

Rubiera (RE)

Foto 18: Panoramica fine lavori